Notaio Marco Bellinvia Roma e Civitavecchia

Guide all'atto

La Società in Generale

La Società in Generale

Cosa bisogna fare per dar vita ad una società?

Le parti che intendono costituire una società devono concludere un contratto: il contratto di società (c.d. atto costitutivo), con il quale due o più persone conferiscono beni o servizi per l’esercizio in comune di un’attività economica allo scopo di dividerne gli utili. Tuttavia, è ammesso dall’ordinamento giuridico che la costituzione di una società possa avvenire anche da parte di una sola persona con atto unilaterale: per esempio, società unipersonale per azioni od a responsabilità limitata e costituzione di una nuova società a seguito di scissione, su deliberazione dell’assemblea della società scissa. Nel caso in cui il contratto sociale risulti non da un documento, ma dai comportamenti tenuti dai soci, si avrà una società cosiddetta di fatto: tuttavia, l’assenza di un documento formale crea difficoltà, perché nulla prova l’esistenza della società. Non è, comunque, ammessa l’esistenza di una società di capitali di fatto.

Quale capacità è richiesta per poter sottoscrivere un contratto di società?
I soggetti interessati a divenire soci, siano essi persone fisiche, società, associazioni o, in generale, enti, devono essere capaci di agire, cioè di porre in essere validamente atti giuridici.

Ma le società di capitali possono essere socie di una società di persone? 
La questione è stata controversa sino a tempi recenti, ma la legislazione in vigore dal primo gennaio 2004 risolve affermativamente il problema. Anche la partecipazione di altri enti alle società può dar luogo a soluzioni diverse a seconda dell’ente partecipante e del tipo di società partecipata. Volendo fornire un’informazione in generale, possono costituire una società tutte le persone fisiche che abbiano compiuto diciotto anni, che abbiano cittadinanza italiana o di un altro Stato dell’Unione Europea. La partecipazione di minori, anche emancipati, di inabilitati e di interdetti, pur essendo generalmente possibile, è subordinata a particolari autorizzazioni. Particolare cautela andrà anche osservata ove ad una persona sia stato nominato un amministratore di sostegno. In tal caso occorrerà far preciso riferimento a quanto disposto dal decreto che nomina l’amministratore. La varietà e la molteplicità delle situazioni che possono dunque prospettarsi a seconda del tipo di società da costituire, delle circostanze che ne determinano la nascita – ad esempio la comunione ereditaria di un azienda – e della natura e della qualità dei soggetti che intendono procedere alla costituzione, consigliano di rivolgersi volta per volta al vostro notaio di fiducia per individuare il giusto iter nel caso concreto. La partecipazione di stranieri, non cittadini di paesi dell’Unione Europea, è possibile, nei limiti previsti dalla legge. Anche in questo caso si consiglia di consultare, al riguardo, il proprio notaio di fiducia.

Requisiti essenziali del contratto di società 
Tre sono i requisiti essenziali del contratto di società:

  1. i conferimenti;
  2. l’esercizio in comune dell’attività economica;
  3. la partecipazione agli utili.

Conferimenti – Il patrimonio sociale e il capitale sociale
I conferimenti sono le prestazioni cui i soci si sono obbligati in forza del contratto di società. I conferimenti costituiscono, cioè, i contributi dei soci alla formazione del patrimonio iniziale della società. La loro funzione è quella di fornire alla società il capitale iniziale per lo svolgimento dell’attività di impresa. Con il conferimento, ciascun socio destina, per tutta la durata della società, parte della propria ricchezza personale all’attività comune e si espone al rischio di impresa: precisamente, il socio corre il rischio di non ricevere alcun corrispettivo per l’apporto effettuato se la società non consegue utili, e corre il rischio ulteriore di perdere, in tutto o in parte, il valore del conferimento se la società subisce perdite. Possono essere oggetto di conferimento le seguenti entità: denaro, beni in natura (mobili e immobili, materiali o immateriali) trasferiti alla società in proprietà o concessi in semplice godimento, prestazioni di attività lavorativa sia manuale che intellettuale, crediti, aziende. In breve può costituire oggetto di conferimento ogni entità suscettibile di valutazione economica che le parti ritengono utile o necessaria per lo svolgimento della comune attività di impresa.
Tuttavia, sono stabiliti dei limiti per quanto riguarda le società di capitali e le società cooperative: le prestazioni di opera o di servizi, in particolare, sono direttamente conferibili solo nella società a responsabilità limitata.

È opportuno fissare, in questa sede, anche le nozioni di patrimonio sociale e di capitale sociale, in quanto collegate al concetto di conferimenti.
Il patrimonio sociale
Il patrimonio sociale è l’insieme dei rapporti giuridici, attivi e passivi, facenti capo alla società. Esso, inizialmente, è costituito dall’insieme dei conferimenti eseguiti o promessi dai soci. Nel corso della vita della società il patrimonio sociale subisce continue variazioni in relazione alle vicende economiche della società. La sua consistenza (attività e passività) viene accertata periodicamente attraverso la redazione annuale del bilancio di esercizio. Viene definito patrimonio netto la differenza positiva tra attività e passività. Il patrimonio sociale assolve, inoltre, alla funzione di garanzia generale per i creditori della società.
Il capitale sociale
Il capitale sociale è un’entità numerica che esprime il valore in denaro dei conferimenti, come risulta dalla valutazione compiuta nell’atto costitutivo della società. Capitale sociale 100 vuol dire che i soci si sono obbligati a conferire (capitale sottoscritto) e/o hanno conferito (capitale versato) denaro o altre entità che, al momento della stipulazione del contratto di società, avevano tale valore monetario. Il capitale sociale rimane immutato nel corso della vita della società fino a quando, con modifica dell’atto costitutivo, non si decide di aumentarlo o di ridurlo.

L’esercizio in comune dell’attività economica – L’oggetto sociale Chi costituisce una società è spinto dallo scopo (c.d. scopo mezzo) di esercitare, in comune con altri soggetti, una determinata attività economica. Tale attività costituisce l’oggetto sociale e deve essere determinata nell’atto costitutivo. Essa può essere modificata nel corso della vita della società solo con l’osservanza delle norme che regolano le modificazioni dell’atto costitutivo. Deve trattarsi di un’attività produttiva, cioè, di un’attività a contenuto patrimoniale, condotta con metodo economico e finalizzata alla produzione o allo scambio di beni o servizi, mentre non può limitarsi al mero godimento e gestione dei beni perché, altrimenti, si avrà una comunione e non una società (con l’eccezione delle società di gestione). È essenziale, inoltre, per aversi società, che l’attività produttiva sia esercitata in comune.

La partecipazione agli utili – L’esercizio in comune di un’attività economica sotto forma di società è finalizzato alla realizzazione di un guadagno (lucro oggettivo) destinato ad essere successivamente suddiviso tra i soci (lucro soggettivo). Questo è il c.d. scopo di lucro o profitto. Le società che perseguono questo fine sono definite società lucrative (società di persone e società di capitali). Esistono, tuttavia, altri tipi di società (le società cooperative) che per legge devono perseguire uno scopo diverso da quello lucrativo e, precisamente, uno scopo mutualistico. Il loro scopo tipico è quello di procurare ai soci un vantaggio patrimoniale diretto che potrà consistere, a seconda del campo di attività della cooperativa, in un risparmio di spesa o in una maggiore remunerazione del lavoro prestato dai soci nella cooperativa.

Torna in alto

INFORMATIVA
sul trattamento dei dati personali
Art. 13 del Regolamento Europeo (UE) 2016/679 (GDPR)

 Premessa – Il Regolamento (UE) 2016/679 (“Regolamento generale sulla protezione dei dati”, nel seguito GDPR) prevede la tutela delle persone fisiche con riferimento al trattamento dei dati personali. Secondo tale normativa il trattamento dei dati personali che si riferiscono ad un soggetto, nello specifico da definirsi “interessato”, è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, nonché di tutela della riservatezza e dei diritti dell’interessato stesso. Ai sensi degli artt. 13 e ss GDPR, il Notaio, in qualità di Titolare, procederà al trattamento dei dati personali forniti dall’utente a seguito della consultazione del presente sito nel rispetto della normativa, con la massima cura, attuando procedure e processi di gestione efficaci per garantire la tutela del trattamento dei Suoi dati personali.

In ossequio a tale premessa si forniscono le seguenti informazioni:

Identificativi del Titolare del trattamento – Titolare del trattamento è lo scrivente Notaio Marco Bellinvia, con sede legale in Roma Via Eustachio Manfredi n. 21; tel.
+39 06 80 78 714; email  mbellinvia@notariato.it  pec marco.bellinvia@postacertificata.notariato.it.

Responsabile della protezione dei dati – Il Responsabile della Protezione dei dati non è stato nominato perché non ricorrono i presupposti di cui all’art. 37 Regolamento (UE) 2016/679.

Dati personali raccolti – I dati personali richiesti sono esclusivamente quelli necessari per l’espletamento della richiesta dell’utente, nel pieno rispetto dei principi di adeguatezza del trattamento sanciti del Regolamento Europeo. Possono essere oggetto di trattamento dati personali di tipo comune di cui all’art. 4 GDPR.

Finalità del trattamento – I dati forniti potranno essere trattati ai fini di entrare in contatto con il Titolare del Trattamento. I dati personali sono trattati dal Titolare del presente sito per finalità connesse alla fornitura del servizio da Lei richiesto in particolare per:

  • richiedere informazioni sui servizi del Titolare;
  • stipulare contratti con il Titolare.

Base giuridica e natura obbligatoria del conferimento dei dati – La base giuridica del trattamento dei dati personali di tipo comune ex art. 4 GDPR, strettamente necessari o pertinenti alle finalità indicate, è l’adempimento di un obbligo precontrattuale e/o contrattuali cui sia soggetto il Titolare e dei relativi obblighi di legge (ex art. 6 comma 1 lettere b, c del GDPR).

I dati per le finalità indicate devono essere obbligatoriamente conferiti e in assenza non verrà eseguito alcun trattamento.

Modalità del trattamento – Ai sensi e per gli effetti degli artt. 12 e ss. del GDPR, si desidera informarLa che i dati personali da Lei comunicati saranno registrati, trattati e conservati presso gli archivi cartacei ed elettronici del Titolare, in ottemperanza alle misure tecniche e organizzative adeguate di cui all’art. 32 del GDPR. Il trattamento dei Suoi dati personali può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all’ art. 4, comma 1, punto 2 del GDPR.

Il trattamento dei dati personali avverrà mediante l’utilizzo di strumenti e procedure idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza e potrà essere effettuato, direttamente e/o tramite terzi delegati, sia manualmente mediante supporti cartacei, sia mediante l’ausilio di mezzi informatici o strumenti elettronici.

Ambito di conoscenza dei Suoi dati – Fatte salve le comunicazioni che vengano effettuate in ottemperanza ad obblighi di legge, potranno venire a conoscenza dei Suoi dati determinate categorie di soggetti quali il personale specificatamente incaricato dal Titolare nonché soggetti esterni formalmente nominati responsabili da quest’ultimo (ai sensi dell’art. 28 GDPR).

Tempi di conservazione dei Suoi dati – I dati raccolti per le finalità sopra indicate saranno conservati per tutta la durata del servizio da Lei richiesto e comunque per un periodo non superiore a 5 anni dal momento in cui i dati sono modificati o confermati da parte degli interessati.

Trasferimento di dati personali all’estero – I dati da Lei forniti saranno trattati in Italia. Qualora si rendesse necessario trattare i dati in uno stato non appartenente all’UE, il Titolare adotterà tutte le misure di sicurezza per la tutela dei Suoi dati personali e dei diritti a Lei attribuiti dalla normativa comunitaria.

Diritti di cui agli articoli 15 e ss., GDPR Ai sensi degli artt. 15 e ss GDPR, Lei ha diritto ad esercitare i seguenti diritti:

  1. accesso: conferma o meno che sia in corso un trattamento dei dati personali dell’interessato e diritto di accesso agli stessi; non è possibile rispondere a richieste manifestamente infondate, eccessive o ripetitive;
  2. rettifica: correggere/ottenere la correzione dei dati personali se errati o obsoleti e di completarli, se incompleti;
  3. cancellazione/oblio: ottenere, in alcuni casi, la cancellazione dei dati personali forniti; questo non è un diritto assoluto, in quanto il Titolare potrebbe avere motivi legittimi o legali per conservarli;
  4. limitazione: i dati saranno archiviati, ma non potranno essere né trattati, né elaborati ulteriormente, nei casi previsti dalla normativa;
  5. portabilità: spostare, copiare o trasferire i dati;
  6. opposizione, compresa quella relativa all’attività di marketing diretto;
  7. l’esistenza di un processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione di cui all’articolo 22, paragrafi 1 e 4, e, almeno in tali casi, informazioni significative sulla logica utilizzata, nonché l’importanza e le conseguenze previste di tale trattamento per l’interessato;
  8. revoca del consenso in qualsiasi momento, qualora il trattamento si basi sul consenso.

Limitazioni – Ai sensi dell’art. 2-undicies del D.Lgs. 196/2003 l’esercizio dei Suoi diritti può essere ritardato, limitato o escluso, con comunicazione motivata e resa senza ritardo, a meno che la comunicazione possa compromettere la finalità della limitazione, per il tempo e nei limiti in cui ciò costituisca una misura necessaria e proporzionata, tenuto conto dei diritti fondamentali e dei legittimi interessi dell’interessato, al fine di salvaguardare gli interessi di cui al comma 1, lettere a) (interessi tutelati in materia di riciclaggio), b) (interessi tutelati in materia di sostegno alle vittime di richieste estorsive), e) (allo svolgimento delle investigazioni difensive o all’esercizio di un diritto in sede giudiziaria) ed f) (alla riservatezza dell’identità del dipendente che segnala illeciti di cui sia venuto a conoscenza in ragione del proprio ufficio).

In tali casi, i Suoi diritti possono essere esercitati anche tramite il Garante con le modalità di cui all’articolo 160 dello stesso Decreto. In tale ipotesi, il Garante La informerà di aver eseguito tutte le verifiche necessarie o di aver svolto un riesame nonché della Sua facoltà di proporre ricorso giurisdizionale.

Per esercitare tali diritti l’interessato potrà rivolgersi al Titolare del trattamento all’indirizzo mail mbellinvia@notariato.it oppure telefonando al numero
+39 06 80 78 714 oppure inviando una missiva all’indirizzo via Eustachio Manfredi, 21 Roma 00197 (RM).

Il Titolare Le risponderà entro 30 giorni dalla ricezione della Sua richiesta formale.

Ricordiamo che in caso di violazione dei dati personali, potrà proporre un reclamo all’autorità competente “Garante per la protezione dei dati personali”.

PROG.DIGITALI_INF.CONTATTI
Rev.00